Buenos Aires, al via III edizione della Settimana del cinema italiano

b6a4570a-ee16-4988-8bff-a188d4af0d4e_large

In prima visione per l’Argentina verranno presentati dodici dei film più rappresentativi della cinematografia italiana attuale: da “Lo chiamavano Jeeg Robot” a “Non essere cattivo”, da “Il nome del figlio” a “Quo vado?”

Prenderà il via giovedì 2 giugno a Buenos Aires la III edizione della Settimana del cinema italiano. Il Festival è organizzato dall’Istituto Luce-Cinecittà, dall’INCAA, l’Ice – Agenzia italiana per il Commercio Estero, dall’ambasciata d’Italia e dall’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires. In prima visione per l’Argentina verranno presentati dodici dei film più rappresentativi della cinematografia italiana attuale, selezionati e premiati nei principali festival internazionali. Questa terza edizione del festival conterà inoltre sulla presenza di un’importante delegazione di personalità italiane, composta dai regisiti Matteo Rovere, Alessio Rigo de Righi, Antonio Capuano, e dall’attore Stefano Accorsi, che accompagneranno la presentazione delle proprie produzioni. La kermesse si concluderà l’8 giugno. I film selezionati per partecipare a questa edizione del festival sono: “Veloce come il vento”, di Matteo Rovere; “Non essere cattivo”, di Claudio Caligari; “Bagnoli jungle”, di Antonio Capuano; “Assolo”, di Laura Morante; “Il nome del figlio”, di Francesca Archibugi; “Viaggio sola”, di Maria Sole Tognazzi; “Il solengo”, di Alessio Rigo; “Arianna”, di Carlo Lavagna; “Sangue del mio sangue”, di Marco Bellocchio; “Le confessioni”, di Roberto Andò; “Quo vado?”, di Gennaro Nunziante; “Lo chiamavano Jeeg Robot”, di Gabriele Mainetti.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s