DALL’ARGENTINA PER RITROVARE LE ORIGINI TIRANESI DI DON RINALDI

dallargentina-per-don-DOMENICO-RINALDI-300x236

Nella giornata di mercoledì 15 giugno sono arrivati in visita alla Madonna di Tirano il signor Raul Malisani e la signora Maria Eva Rodriguez in rappresentanza del Comune di Galvèz, nella provincia di Santa Fe, Argentina.

Galvèz è la Città dove Padre Domenico Rinaldi, nativo di Cologna, ha vissuto e si è adoperato per il bene della comunità per 35 anni, lasciando una traccia indelebile del suo operato nella Chiesa di Santa Margarita de Escocia. Tanto che ancora oggi molti cittadini di Galvéz lo ricordano e la sua città dedicherà quest’anno una statua in suo onore.

Nato 1855 a Cologna e giunto al sacerdozio sotto la sotto la guida spirituale di don Alessandro Parravicini, parroco di Cologna, Don Rinaldi venne ordinato salesiano in Argentina nel 1886 dove arrivò come missionario di Don Bosco tre anni prima. Nel 1893 giunse a Galvèz e decise di costruire una nuova chiesa che volle con le sembianze della Basilica della Madonna di Tirano.

Per la sua costruzione, dei progettisti vennero a inizio secolo dall’Argentina a Tirano: dapprima i fratelli Tonini che ne presero il disegno, e poi i fratelli Pavia che ne copiarono il campanile. Tanto era il desiderio di Padre Rinaldi di portare in Argentina un pezzo del proprio paese natale. Una costruzione durata 28 anni, ma che al termine diede a Galvèz una chiesa che può definirsi discendente della Basilica della Madonna di Tirano.

I due “ambasciatori” hanno visitato la Basilica guidati dal Rettore Don Gianpiero Franzi e poi Santa Perpetuaaccompagnati dall’Assessora alla Cultura Sonia Bombardieri; sono poi stati accolti dal Sindaco e hanno visitato Palazzo Salis e il centro storico. La loro visita è stata molto appassionata, mostrando con evidenza quanto sia comunque forte il legame che ancora c’è fra gli emigranti o discendenti e il loro paese d’origine.
Nel pomeriggio hanno incontrato una delle discendenti di Padre Rinaldi, la signora Enrica Gobetti che assieme a suo marito Ezio Parravicini e all’assessora hanno visitato a Cologna la contrada Gilera dove ancora si trova la vecchia casa di Don Rinaldi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s