DIVORZI INTERNAZIONALI: NUOVE REGOLE PER STABILIRE IL TRIBUNALE COMPETENTE A DIRIMERE LE DISPUTE

DIVORZI INTERNAZIONALI: NUOVE REGOLE PER STABILIRE IL TRIBUNALE COMPETENTE A DIRIMERE LE DISPUTE

 

BRUXELLES\ aise\ – Il Parlamento europeo ha approvato la scorsa settimana nuove normative per determinare il tribunale di quale Paese sarà chiamato a dirimere le dispute sulla proprietà in caso di divorzio o di decesso per le coppie internazionali o per le unioni registrate. Tali norme dovrebbero evitare procedimenti paralleli – che hanno un costo di circa 1,1 miliardi di euro ogni anno – in vari Stati membri.
“Era ora che disponessimo di uno strumento europeo sugli effetti patrimoniali dei regimi matrimoniali e delle unioni registrate. Da oggi, le coppie internazionali, in tutte le forme di matrimonio, potranno beneficiare di sicurezza giuridica, di un migliore accesso alla giustizia e di norme armonizzate che si adattano a circa 16 milioni di coppie internazionali che vivono in Europa”, ha dichiarato il relatore Jean-Marie Cavada (ALDE, FR).
La normativa si applicherà nei 18 Paesi dell’Unione europea che si sono dichiarati disponibili ad aderire a questa iniziativa di “cooperazione rafforzata”, tra cui l’Italia.
Il regolamento sui regimi patrimoniali tra coniugi è stato approvato con 498 voti favorevoli, 58 contrari e 35 astensioni, mentre il regolamento sugli effetti patrimoniali delle unioni registrate è stata approvato con 490 voti favorevoli, 68 contrari e 34 astensioni.
I due regolamenti stabiliscono il foro competente e quale legge nazionale applicare per le procedure relative alle proprietà delle coppie internazionali. Tali norme dovrebbero, inoltre, facilitare il riconoscimento e l’esecuzione di una sentenza pronunciata in uno Stato membro, sempre in materia di proprietà, in un altro Stato membro.
Non toccata la competenza nazionale
Le istituzioni del matrimonio e del partenariato civile rimangono comunque materia definita dalle legislazioni nazionali degli Stati membri.
Inoltre, i regolamenti includono una serie di garanzie per assicurare il rispetto dei sistemi giuridici nazionali. Ad esempio, non è fatto obbligo a uno Stato membro partecipante e la cui legislazione non riconosce l’istituzione di una unione civile di assumere la competenza o di occuparsi di questo tipo di partenariati.
Secondo la Commissione europea, ci sono 16 milioni le coppie internazionali nell’UE.
I diciotto Stati membri che partecipano alla cooperazione rafforzata sono Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Slovenia, Finlandia e Svezia. Altri Stati membri sono liberi di aderire in qualsiasi momento dopo la sua adozione. L’Estonia, ad esempio, ha annunciato l’intenzione di partecipare alla cooperazione dopo la sua adozione. (aise) 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s